Caltagirone e Piazza Armerina (Villa romana del Casale)

Il nostro percorso

Partenza ore 8:00 - Rientro ore 18:00

A poche ore da Taormina, attraversando la piana di Catania, arriveremo a Piazza Armerina, imponente paese alle spalle di Enna. Attraversando il centro si scorge il Duomo e alcune chiese settecentesche, costruite in pietra di tufo. Ai piedi della città sorgono i resti della Villa Romana. La visita richiede un paio di ore.

Pranzo facoltativo e proseguimento alla volta di Caltagirone. Attraversando alcuni paesi rurali, giungeremo a Caltagirone. La città si divide in due, alta e bassa. I monumenti di maggior interesse sono nella parte alta, che è consigliato esplorare a piedi.

Da non perdere la Villa Comunale, la Scala di S.Maria del Monte e i Dolcetti di Militello.

Caltagirone

Chi arriva a Caltagirone non può lasciarsi sfuggire una presenza che sembra invadere la città: la ceramica, che non solo troneggia all'interno dei negozi in tutte le sue forme e misure (piatti, vasi, suppelletili) ma abbellisce ponti, balaustre, facciate e balconi.

Tutto nasce dalla ricchezza di argilla della zona. La facilità di reperire il materiale, dà impulso alla lavorazione di manufatti di terracotta, sopratutto vasellame. E questo a testimonianza di un'arte che, in questa zona, è antica quasi quanto le origini della città.

Piazza Armerina

Si presume che la prima civiltà ad insediarsi nel territorio armerino sia stata quella greca, ad opera della città di Gela. Sono infatti presenti alcuni siti di quel periodo. Sulla storia di "Piazza" si sa con certezza solo della dominazione Normanna in poi.

Questo centro è famoso sopratutto perchè ospita la splendida Villa Romana del Casale, che deve la sua fama al pavimento interamente costruito in mosaico che raffigura scene mitologiche, caccia, feste in onore degli dei, e di vita quotidiana al tempo dei romani. Eccezionale è la varietà di toni e soggetti.